menù
Cerca nel sito...
Moby-Dick o La Balena
Herman Melville 
Moby-Dick o La Balena
Herman Melville

Categoria: Intrattenimento
Tipologia: Libri
Target: Adulti
Tags: balena, Classici, moby dick, Romanzo, USA, Utet
ISBN: 9788851122256
Data di Uscita: 01/01/1970
Formato: brossura con alette
Pagine: 990
Lingua: italiano

Prezzo: 17,00

Descrizione prodotto

Moby-Dick (1851) di Melville venne pubblicato in Inghilterra e negli Stati Uniti in due versioni notevolmente diverse. Tra revisioni editoriali e autoriali, le varianti superano complessivamente il migliaio. Non solo. La versione inglese, a causa dei tagli censori, conta circa duemila parole in meno rispetto a quella americana. Ciò nonostante, si è sempre voluto presentare Moby-Dick come un testo unitario, fondendo indebitamente i testi delle due versioni. Questa nuova traduzione, basata sulla recente e per molti versi rivoluzionaria edizione Longman (2007), offre al lettore italiano una versione restaurata del capolavoro melvilliano, distinguendo il testo americano da quello inglese. L’amplissimo apparato di note, oltre a illustrare in modo dettagliato le differenze più significative fra le due versioni, chiarisce in modo esauriente tutta la gamma di allusioni storiche, riferimenti geografici, citazioni bibliche, termini nautici, dissertazioni scientifiche e virtuosismi linguistici che hanno finora ostacolato una piena fruizione del romanzo.
Questa versione, così stilisticamente curata e filologicamente accurata, si rivelerà una scoperta assoluta sia per i nuovi sia per i vecchi lettori di Melville, promettendo di diventare un'edizione di riferimento per anni a venire.

Speciale sull'autore

Herman Melville (1819-1891), romanziere e poeta americano, godette in vita di una relativa fama grazie ai primi libri di stampo autobiografico, Typee (1846), Omoo (1847), Redburn (1849), White-Jacket (1850), con cui fornì un resoconto romanzato dei suoi viaggi nei mari del Sud e in Europa. Tuttavia, quando volle esulare dagli scritti di viaggi con il romanzo epico Moby-Dick (1851), si alienò le simpatie dei lettori e dei critici contemporanei, incapaci di apprezzare opere tanto complesse e pregne di simbolismo. Melville morì virtualmente ignorato come scrittore, lasciando il manoscritto del suo romanzo breve Billy Bud, il quale, pubblicato postumo (1924), contribuì alla rinascita di interesse verso la sua opera e alla sua definitiva consacrazione letteraria.