menù
Cerca nel sito...
L'ultimo dei mohicani
James Fenimore Cooper 
L'ultimo dei mohicani
James Fenimore Cooper

Categoria: n.d.
Collana: Classici
Tipologia: eBook, Libri
Target: Ragazzi
Tags: America, Classici, colonialismo, guerra, indiani, letteratura, mohicani, ragazzi
ISBN: 9788851141424
Data di Uscita: 01/01/1970
Formato: cartonato con sovraccoperta
Pagine: 320
Lingua: Italiano

per la versione libro
Prezzo: 6,90
per la versione eBook
Prezzo: 2,99

Descrizione prodotto

Nelle terre selvagge del Nord America, Alice e Cora, figlie di un militare inglese, partono per raggiungere il padre che sta combattendo contro l'esercito francese. A scortarle c'è una guida fidata, o così pare. Presto infatti le ragazzi si trovano coinvolte nei piani di vendetta che il perfido Volpe Astuta, capotribù degli Uroni, ha architettato contro Uncas, 'l'ultimo dei Mohicani'. A salvarli sarà Occhio di Falco, un coraggioso uomo bianco che alla compagnia dei suoi simili preferisce quella dei pellerossa.

Speciale sull'autore

James Fenimore Cooper nacque nel 1789 a Burlington, nel New Jersey. Sebbene la sua famiglia appartenesse all’aristocrazia terriera, il giovane Cooper, attratto dall’avventura, si arruolò nella Marina ove, in qualità di ufficiale, trascorse alcuni anni. La sua vocazione letteraria sopravvenne piuttosto tardi per quell’epoca, cioè verso i trent’anni. Dato l’addio alla navigazione, Cooper iniziò, quasi per scommessa, a scrivere un romanzo, Precaution (1820), che ottenne subito un certo successo. L’anno dopo uscì la sua seconda storia, La spia, e da quel momento l’ex ufficiale di marina decise di dedicarsi completamente a quello che aveva all’inizio considerato solo un passatempo, e diede libero sfogo alla sua potente immaginazione. I suoi romanzi, non troppo curati sul piano stilistico, avevano l’indubbio pregio di interpretare in senso epico la storia della giovane nazione americana: sentiva il bisogno – innanzitutto psicologico – di celebrare la sua fresca indipendenza e di rintracciarne le ragioni ideali. L’eroe più celebre di Cooper è proprio Nathaniel Bumppo, la personificazione dello “spirito di frontiera”. La sua vita è narrata in un ciclo che inizia con I pionieri (1823) e prosegue con l’opera qui pubblicata (1826), con La prateria (1827), La guida (1840) e L’uccisore di cervi (1841).