menù
Cerca nel sito...

ULTIME NEWS

29/06/2016
Il papà del Piccolo Principe compie 116 anni

Riscopriamo questo straordinario autore del Novecento attraverso le sue pagine più belle e significative

Era il 29 giugno del 1900 quando, nella città francese di Lione, nasceva Antoine de Saint-Exupéry. Uomo eclettico e dalle mille sfaccettature, fu uno dei pionieri dell’aviazione civile e militare nonché uno scrittore dalla rara delicatezza, capace di trattare tematiche universali e senza tempo con sensibilità e acume fuori dal comune.

Morto a soli 44 anni in circostanze misteriose, dalla sua penna è nato Il Piccolo Principe, una favola senza tempo che parla di amore, di amicizia, ma soprattutto del significato autentico della vita, di quell’“essenziale” che è “invisibile agli occhi”. Un capolavoro che ha ispirato generazioni di lettori di ogni età e che proprio per questo rientra a pieno titolo nella top ten dei libri più letti di sempre.
De Agostini ve lo propone in una nuova traduzione arricchita da splendide tavole inedite, disponibile sia in versione cartacea sia in eBook.

Ma non si può comprendere appieno la mente instancabile di Sain-Exupéry e il suo articolato pensiero sul mondo che lo circondava senza consultare i suoi preziosi Carnets, i taccuini sui quali annotava i propri pensieri in qualsiasi situazione – non escluse le ore di volo. Utet vi ripropone le più significative tra queste annotazioni ne La pasta umana. Taccuini 1935-1940, anch’esso disponibile sia in volume che in formato digitale.

Dagli usi e costumi sociali all’economia capitalista e comunista, dai sentimenti religiosi ai più intimi movimenti della psiche, nulla gli era estraneo, su tutto sentiva di avere una sua opinione. Ma in qualsiasi appunto, qualunque sia l’argomento particolare, ciò che si sente all’opera è una potente forza centripeta, che porta verso il tema che Saint-Exupéry ha più a cuore: ciò che egli stesso definisce, con una stupenda espressione, la pasta umana, continuamente modellata e deformata dalle necessità materiali così come dalle più alte aspirazioni spirituali.