menù
Cerca nel sito...

ULTIME NEWS

23/11/2016
I giorni del sacro

Franco Cardini ci racconta con perizia storico-antropologica la storia e le origine di feste e riti del nostro calendario

Ci stiamo per avvicinare a uno dei periodi di festa più sentiti di tutto l’anno: quello che, in poche settimane, inanella festività del calibro di Santa Lucia, Natale, Capodanno e l’Epifania. Tutte giornate fortemente legate al calendario cristiano, è vero, ma le cui radici sembrano risalire ad un passato ancor più remoto di quanto non si sospetterebbe.

A raccontarci con perizia storico-antropologica le origini di queste e tante altre feste e riti dispiegati nell’arco dell’anno ci pensa lo storico Franco Cardini ne I giorni del sacro, pubblicato da Utet e disponibile in volume o in eBook nelle migliori librerie e sulle principali piattaforme di e-commerce.

Le festività che si susseguono nel calendario, infatti, sono un retaggio culturale fondamentale per scoprire e raccontare le diverse stagioni della vita dell’uomo e della società, che attraverso i cicli della luna e del sole e le ricorrenze ad essi collegati, celebra il passare inarrestabile del tempo e il suo eterno, circolare ritorno.

Le feste delle civiltà del Mediterraneo, e in particolare quelle dell’Occidente cristiano, hanno una storia affascinante, antica e complessa. Nascono dalla trasfigurazione di culti antichi e di antichi rituali, che congiungevano, e ancora congiungono, la sfera religiosa con quella sociale: dai culti della fertilità alla scansione stagionale dei raccolti, il sacro si trasfigura nel quotidiano e il quotidiano nel sacro. Ma che cosa unisce i culti misterici, le religioni esotiche come il mitraismo, al paganesimo dell'antica Roma, e poi al Cristianesimo? Quale linea rossa congiunge le forme della lecita follia carnevalesca dei tempi antichi con il Carnevale cristiano, che preannuncia ed esorcizza il magro tempo della Quaresima? E ancora: quanto sono diverse le nostre feste da quelle delle altre religioni rivelate, come l'Islam e l'Ebraismo?

In questo saggio che sta a cavallo tra storia e antropologia, tra l'analisi della società e lo studio delle religioni del Mediterraneo occidentale e del Vicino Oriente, Franco Cardini offre una risposta ampia ed esaustiva a queste domande. Con il rigore dello studioso e la fantasia e la curiosità di chi indaga i percorsi sommersi della storia culturale, Cardini illustra le forme e i significati delle celebrazioni e dei riti, dalle radici antiche o più recenti, che scandiscono il nostro tempo e che al nostro tempo danno un nome.