menù
Cerca nel sito...

ULTIME NEWS

16/06/2014
De Agostini tra i 10 brand preferiti dagli italiani

/* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin-top:0cm; mso-para-margin-right:0cm; mso-para-margin-bottom:8.0pt; mso-para-margin-left:0cm; line-height:107%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri","sans-serif"; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi; mso-fareast-language:EN-US;}

L’azienda fa il suo ingresso nella Top ten delle aziende con la migliore reputazione in Italia nel 2014.

De Agostini fa il suo ingresso nella Top ten delle aziende più apprezzate dai consumatori italiani, secondo la classifica stilata dal Reputation Institute, la società di consulenza che ha presentato i risultati del proprio studio annuale sulla reputazione delle aziende operanti nel 'Bel Paese', l’Italy RepTrak 2014. L’azienda ha raggiunto infatti il decimo posto di questa speciale classifica, piazzandosi dietro colossi di rilievo internazionale come BMW, Ferrero, Luxottica, Volkswagen, Armani, Barilla, Michelin, De Longhi e Media World.

La reputazione, secondo il Reputation Institute, è legata all’universo valoriale del brand ed è costituita da diversi fattori, dei quali la qualità del prodotto è soltanto una delle componenti: hanno un ruolo rilevante, nella percezione di consumatori e stakeholder, anche aspetti quali la capacità di innovare e di esprimere leadership sul mercato, il comportamento etico e responsabile, i buoni risultati economici e finanziari. La percezione di questi fattori è, essa stessa, il risultato di molteplici input che arrivano al consumatore: in primis, l’esperienza diretta del brand (acquisto di prodotti, utilizzo del customer service, esperienza nel punto vendita, investimenti finanziari, esperienza dell’azienda come posto di lavoro), poi ciò che il brand dice di se stesso attraverso il marketing, la comunicazione e la pubblicità e, infine, ciò che ne dicono terze parti (media, opinion leader, esperti, ma anche amici e familiari).